home il Liceo dove ambiente Educare al parco Helianthus II monitoriamo l'ambiente aree protette

news

link contattaci
organizzazione documentazione visite guidate Parco Sila uomo e Parco
 

  Progetto Helianthus II
Dalla questione ambientale ai problemi dell'ambiente Modulo n.5:
“Il rimorso dell'uomo: dalla violenza alla tutela ” - l parchi simbolo del pentimento per la violenza dell'uomo verso la natura.

Il PARCO NAZIONALE DELLA SILA: un ecosistema da conoscere, custodire, sviluppare

Premessa - Finalità. Il progetto Helianthus II coinvolge una rete di scuole calabresi, del meridione, la nostra attività “Calabria n. 3” è coordinata dall'Istituto Tecnico Industriale “E. Fermi” di Vibo Valentia. Il Liceo Scientifico (scuola capofila), la Scuola Media e la Scuola Elementare di Petilia Policastro si occupano del tema: “Il rimorso dell'uomo: dalla violenza alla tutela” - l parchi simbolo del pentimento per la violenza dell'uomo verso la natura. Il “pentimento” da parte dell'uomo nei confronti dei mali procurati all'ambiente, e quindi a se stesso, se veramente c'è stato, lo si evince solo dalle nuove leggi in materia di tutela ambientale, derivanti da decenni di grandi congressi internazionali nei quali sono stati sottoscritti degli accordi tra i vari stati, sulla base dei quali poi sono state emanate leggi e normative. Per contro si è notato come la gente comune ancora risponde in modo, se non negativo, con indifferenza. E' quindi necessario fare una grande opera di sensibilizzazione partendo dalle scuole, per passare attraverso le famiglie, fino ad arrivare a tutta la popolazione. In questa grande opera di modifica dei comportamenti ognuno deve avere un ruolo attivo, e anche i ragazzi stessi possono realizzare azioni che possano servire da esempio sia per i loro compagni ma anche per tutta la società. Con l'istituzione del Parco Nazionale della Sila, che comprende oltre il 34 % del territorio del Comune di Petilia Policastro, la scuola potrà contribuire con un'azione di Educazione al Parco ad avviare un complesso di attività volte ad educare con idonei strumenti alla conoscenza dell'area protetta e alla diffusione della coscienza e della cultura ambientale.Il progetto è stato realizzato con il contributo del Corpo Forestale dello Stato, dell'Ente Parco Nazionale della Sila, del Circolo Legambiente e dell'Amministrazione Comunale di Petilia Policastro.

Gli obiettivi, coerenti con lo sviluppo evolutivo e con le capacità di apprendimento degli alunni, si possono in parte sintetizzare nei seguenti aspetti:

Obiettivi trasversali (educativi e formativi):
•  fruire della presenza del Parco Nazionale della Sila, per l'educazione al civismo, all'amore e al rispetto della natura;

•  “saper vedere l'ambiente parco”: saper percepire, selezionare, discriminare forme e grandezze, profondità e colori;

•  saper riconoscere le componenti fondamentali del paesaggio, anche in relazione alle trasformazioni ambientali operate dall'uomo;

•  acquisire il concetto di ambiente come sistema;

•  accettare il concetto di ambiente come valore;

•  far sviluppare un permanente atteggiamento di ricerca-scoperta attraverso l'acquisizione di un procedimento metodologico-scientifico (ipotesi, rilevazione, analisi, verifica, sintesi);

•  capire l'importanza della collaborazione e del lavoro di gruppo, e saperlo svolgere, per la crescita cognitiva e socio-affettiva;

Obiettivi Specifici (cognitivi,operativi)
•  scoprire, conoscere, gli ambienti naturali e antropici del Parco Nazionale della Sila;

•  comprendere il senso delle interconnessioni tra processi e limiti dei sistemi ambientali;

•  acquisire padronanza di una terminologia scientifica;

•  essere in grado di utilizzare correttamente gli strumenti e i materiali mesi a disposizione per l'indagine (computer, carte topografiche, bussole, kit per il monitoraggio ambientale etc.);

•  progettare un itinerario , un Cd-Rom, per la valorizzazione e la tutela dei beni ambientali-culturali che ricadono nel Parco Nazionale della Sila.

In conclusione sono essenzialmente tre i contributi da recuperare con l'attività: la conoscenza sull'ambiente (struttura, funzionamento, evoluzione), un'etica adeguata e il senso di comunità; in particolare per gli allievi delle superiori l'acquisizione di competenze specifiche spendibili nel mondo del lavoro, nei “nuovi” lavori legati alla progettazione e gestione dell'ambiente e del territorio (monitoraggio, manutenzione degli ambienti naturali, educazione ambientale, turismo naturalistico).