Le piante arboree, arbustive ed erbacee medicinali

 del territorio di Petilia Policastro

Agàve americana L. Amarillidacee Agave.Tipica pianta, originaria dell'America settentrionale, comune nei terreni aridi e rocciosi del nostro paesaggio.Pianta perenne cespitosa, foglie lanceolate lunghe carnose dentatp-spinose, in alcuni esemplari striate di giallo.Si utilizzano principalmente le foglie, con proprietà rinfrescanti, diuretiche , depurative. L'infuso per uso esterno è consigliato per la cura dell'acne sebacea, alopecia, per lavare gli occhi.Il succo ha proprietà lassative.
Allìum satìvum L. Liliacee Aglio.Pianta erbacea con caratteristico odore,munita di bulbo di 8-10 spicchi, scapo cilindrico diritto, foglie lineari vuote acute.Fiori di 5 tepali bianco-verdognoli.Ha proprietà stimolante digestivo, antisettico potente, microbicida intestinale, balsamico,ipotensivo cardiovascolare, antiarteriosclerotico.
Ilex Aquifolium L. Aquifoliacee Agrifoglio.Arbusto sempreverde, con foglie ovali ellittiche, coriacee e lucide ondulate sinuose, munite di spine.Le parti che si utilizzano sono le radici che hanno proprietà diuretiche, la corteccia che ha proprietà febbrifuga,con le medesime caratteristiche abbiamo le foglie che svolgono anche azioni anti-itteriche e calmanti, le caratteristiche bacche rosse hanno proprietà lassative, ma prese in dosi elevate producono vomito.
  Althaèa officinalis L. Malvacee Altea. Si trova nei posti umidi e freschi, pianta erbacea, portamento maestoso,radice composta.Foglie alterne tripalmate od ovate molli, fiori ascellari bianco-rosei o porporini da maggio a settembre.Le foglie sono la parte che viene maggiormente utilizzata, ha caratteristiche emolienti addolcenti, calmanti, pettorali espettoranti, lassativi, per la presenza di mucillagini , zuccheri, amido ed oli essenziali.
Pimpinèlla Anisum L. Ombrellifere Anice. Ricercatissimo, è una pianta annua,fusto cilindrico, eretto, striato; foglie radicali reniformi con numerosi lobi.Fiori bianco-porporini in mazzetti,i frutti sono ovoidali di grato odore caratteristico.Si prestano per tisane carminative, antispasmodiche, stomachichi digestivi,sudoriferi, diuretici.
Cìtrus Aurantium L. varietà amara Auranziacee, Arancio amaro.Originario dall'Asia.Albero sempreverde, corteccia bruno-verdina,rami dotati di spine acuminate, le foglie sono ovali, verde cupo, lucide, coriacee.si utilizzano :foglie, frutti e fiori.Le foglie hanno azione sedative, digestive antispasmodiche.I frutti ricchissimi di sali minerali e di vitamine antiossidanti. I fiori, dal pregiatissimo profumo, sono consigliati nelle tisane ad azione calmante, indicate anche per i bambini.
Aspàragus officinalis L. Liliacee Asparago.Si trova nei posti freschi, sabbiosi o pietrosi, boschi, siepi.Erba perenne, caratteristica per il suo rizoma strisciante che emette i turioni.Rami gracili, le foglioline sono lineari molli, poco pungenti.Fiori bianchi rigati di verde. I princìpi attivi li troviamo principalmente nelle radici, con la loro azione dimagrante,aperitive, diuretiche, antidropiche.
Artemìsia vulgaris. L. Composte Assenzio selvatico.Si trova nei posti aridi, incolti,ruderi.Erba perenne, spontanea, cespugliosa, foglie alterne biancastre per la presenza di peli sul margine inferiore, pennatifide.Fiori giallo-rossastri in capolini ovoidali. I suoi princìpi attivi svolgono azione sedativa emmenagoga, tonica amara, anticonvulsiva.
Arctìum Lappa L. Composte Bardana. Comune, presso le macerie, orlo dei campi e dei fossi.Pianta erbacea perenne con radice grossa carnosa, fusto eretto striato 60-110 cm, foglie alterne ovali cuoriformi,fiori 40-50 raggruppati in capolini muniti di punte ricurve, di colore rosso porporini.La radice è la parte utilizzata, il suo decotto depura il sangue,inoltre è diaforetica e diuretica.Possono essere utilizzati anche i semi che sono ricchi di oli che hanno azione purgativa.
Ocymum Basilicum L. Labiate Basilico.E' di origine asiatica ampiamente coltivato per le sue caratteristiche foglie ricche di oli essenziali.E' un erba annua,con radice gracile, caule quadrangolare, foglie opposte ovato-acute dentate, di colore verde lucide.Le foglie sono la parte erboristica che ci interessa, con proprietà aromatiche, digestive carminative, bechiche, diuretiche,stimolanto digestive.
Atròpa Belladonna L.  Solanacee Belladonna.Si trova nei boschi freschi, radure di terreno calcareo zona collinare.Piccola piantina erbacea perenne, di odore viroso e sapore acre, radice ramificata, carnosa dal colore grigio-giallastra di odore sgradevole.Il suo utilizzo è sconsigliato, nonostante il suo nome è una pianta pericolosa per il suo contenuto di princìpi attivi.
Antirrhìnum majus L. Scrofulariacee Bocca di leone.Presente nel nostro territorio presso vecchie case, muri, rupi.Erbacea perenne, con radice a fittone , fusto eretto alto 30-70 cm,foglie lanceolate verde intenso.Fiori vistisi con corolla tuboloso-rigonfia, dai colori che vanno dal bianco, al rosa, al rosso.Le foglie e i fiori sono da utilizzare in applicazioni per uso esterno per le infiammazioni della bocca,della pelle, delle emorroidi e per lenire le scottature.
Borràgo officinalis L.  Borraginacee Borragine.Pianta originaria dell'oriente introdotta dalla Spagna, inselvatichitesi successivamente.Si trova in vari terreni, bordi delle strade, campi incolti, siepi, ruderi.Erba annua,foglie alterne ovali o lanceolate, rivestite da peli rigidi biancastri.Fiori a corolla stellare di 5 petali azzurrini, infiorescenza a scorpioide. Conosciuta per uso prettamente alimentare, ma nel campo erboristico è molto pregiata per l'uso dell'olio contenuto nei semi.La pianta ha proprietà emolienti, espettoranti, diuretiche ,sudorifere,depurative,antireumatiche,antinfiammatorie.
Capsèlla Bursa-pastoris M.Crocifere  Borsapastore .Comunissima,erba annua,foglie basali riunite a rosetta, la forma è varia da intera a pennatifida.I fiori sono molto piccoli di 4 petali bianchi in croce.Si utilizza la parte aerea della pianta soprattutto per uso esterno, per la loro azione antiemorragica.
Eryngium campestre L. Ombrellifere  Calcatreppolo.Si trova nei siti aridi, ghiaiosi pietrosi calcarei.Erba perenne verdognola con radice affusata, fusto eretto di cm.30-60, foglie rade, frastagliate,spinose.Fiori bianchi in capolini.La parte che noi utilizziamo è la radice che anche commestibile,con caratteristiche diuretiche, carminative lassative.
Matricària Chamomilla L. Composte Camomilla.Erba spontanea, assai aromatica,a radice affusolata, le foglie alterne bipennatosette frastagliate.Fiori tubolosi cilindrici, riuniti in capolini.La parte che utilizziamo è l'infiorescenza prima della completa fioritura.le caratteristiche sono di essere, antinevralgiche, antispasmodiche,antiinfiammatorie, digestive,sedative.
Arundo donax L. Poaceae(Graminaceae)Canna.E' una pianta perenne, con grosso rizoma  dal cui apice in primavera spuntano i fusti.Le foglie di colore verde glauco, avvolgono il fusto, l'infiorescenza è una pannocchia alta fino a 70 cm.La parte che si utilizza è il rizoma,con i suoi princìpi attivi è un ottimo diuretico e sudorifero.
Adiantum capillus-veneris L. Adiantaceae Capelvenere.E' una piccola felce che cresce nei luoghi umidi ed ombrosi.Le foglie dette più propriamente fronde sono di colore verde chiaro con le nervature scure,il margine estremo protegge i sori dove si producono le spore, spasso si trova nelle abitazioni come pianta ornamentale.E' utilissima nella preparazione di tisane per le tossi, raucedini, raffreddori, catarri bronchiali.
Capparis spinosa L. Capparidaceae Cappero.Pianta perenne a radice legnosa, le foglie sono alterne,ai alti del picciolo due piccole stipole si sono trasformate in spine.I fiori sono inseriti singolarmente all'ascella delle foglie superiori.Si utilizzano la corteccia delle radici e i boccioli.La prima stimola la diuresi e le funzioni digestive per uso interno, la tintura oleosa viene impiegata per curare le emorroidi per uso esterno. I boccioli vengono utilizzati per schiarire la pelle con capillari dilatati.
Lonicera caprifolium L. Caprifoliaceae Caprifoglio.Pianta legnosa, le foglie sono opposte, due a due, di forma ovale, i fiori sono riuniti in fascetti al centro delle foglie superiori, dal caratteristico colore roseo-porporino.Utilizziamo i fiori e le foglie con caratteristiche bechiche, espettoranti, antiinfiammatorie, astringenti.
Cynàra Cardunculus L.Composte Carciofo selvatico.Si trova nei campi incolti, aridi,è una pianta perenne,spinoso con foglie verde cupo sopra e grigiastro sul alto inferiore. I fiori sono azzurri disposti in capolini solitari.Le caratteristiche sono quelle di depurare l'organismo, protettrici del fegato, digestive, ipocolesterolemizzanti, si utilizzano le foglie in infusione.
Silybum marianum L. Asteraceae Cardo mariano.E' un pianta erbacea biennale, le foglie sono lunghe circa 25-35 cm. sul margine superiore sono macchiate di bianco, il margine ondulato dentato. I fiori sono riuniti in capolini con corolla di colore rossastro.  semi sono i componenti fondamentali, sono disintossicanti del fegato, diuretici, aperitivi, febbrifughi.
Carlina acaulis L. Asteraceae Carlina.Pianta erbacea, con foglie che formano una rosetta basale,hanno forma ovale-oblunga, sono pennatifide con margine incisi e terminanti da spine pungenti. I fiori sono riuniti in un capolino, fra pagliette sottilmente sfrangiate.La radice favorisce la sudorazione,la diuresi e la digestione.
Daucus carota L. Apiaceae Carota.Pianta erbacea biennale con radice ingrossata, le foglie sono amplessicaule, sono due o tre-pennatosette, i fiori sono raccolti in ombrelle.La radice viene utilizzata per uso alimentare, il suo contenuto di princìpi attivi è caratterizzato dalla presenza di carotene(vit.A), quindi svolgono azione vitaminizzanti, mineralizzanti, aperitive, carminative, regolatrici intestinali,depurative.
Castanea sativa M.Fagaceae Castagno.Tipico albero della nostro zona, un tempo era da sostentamento all'economia familiare.E' a foglie caduche, alto fino a circa 30m, le foglie sono lunghe fino a 20 cm.,il margine è seghettato in numerosi denti acuti. I fiori sono separati,i maschili disposti in glomeruli; quelli femminili in numero da uno a tre sono racchiusi in un involucro detto cupola. Erboristicamente la parte che ci riguarda sono le foglia e la corteccia dei rami.Le foglie sono utilizzate come sedativo della tosse e antisettico, mentre la corteccia per la presenza di tannini è indicate per pelli fragili, arrossate e delicate.
  Centaurium erythraea R. Gentianaceae Centaurea minore.Piccola pianta erbacea annuale, con radice a fittone, il fusto a sezione quadrangolare,le foglie basali riunite a rosetta, quelle del fusto opposte a due a due. L'infiorescenza è un corimbo in cui si trovano numerosi fiori di colore rosa.Le sommità fiorite sono più ricche di princìpi attivi. L'azione amaricante, digestiva, aperitiva, depurativa, febbrifuga e antiinfiammatoria né hanno fatto una delle piante più conosciute e utilizzate fin dall'antichità.
Cichorium intybus L. Asteraceae Cicoria.Pianta perenne a rizoma ingrossato, le foglie basali sono riunite a rosetta, la forma varia, generalmente il contorno è allungato con il margine variamente inciso. I fiori raggruppati in capolini dal colore azzurrino.Le radici e le foglie hanno i medesimi princìpi attivi,sono amaricanti, leggermente sedative, diuretiche, coleretiche e digestive.
Allium cepa L. Liliaceae Cipolla.Caratterizzata da un grosso bulbo,è una pianta erbacea perenne,le foglie sono fistolose e partono tutte dal bulbo stesso,i fiori sono riuniti in un infiorescenza ombrelliforme.Il bulbo ricchissimo di zolfo è consigliato per la caduta dei capelli previo sfregamento.Per uso interno l'azione antisettica, ipotensiva, ipogligemizzante e vermifughe nè fanno una pianta utilissima per la salute del corpo umano.
Cupressus sempervirens L. Cupressaceae Cipresso.Albero sempreverde 25-45m,tipica ornamentale,le foglie sono delle piccole squame opposte due a due sui rametti, i fiori sono declini, il frutto è detto galbulo.Il frutto è la parte che si utilizza, con le sue proprietà astringenti,toniche delle vescica, vasocostrittrici, tossifughe è molto utilizzato nel settore erboristico.
Equisetum arvense L. Equisetaceae Coda cavallina.E' una pianta erbacea perenne, si trova nei luoghi umidi temperati, si distingue per la formazione di frutti sterili (la parte interessante) e quelli fertili. I fusti sterili sono ricchissimi di sali minerali, perciò svolge azione rimineralizzante, diuretica, antiinfiammatoria.Viene utilizzato anche per la detersione delle ferite, per aiutare la cicatrizzazione.
Arbùtus Unèdo L. Ericacee Corbezzolo.Si trova nelle macchie e boschi, alberello sempre verde da 2-5 metri, tronco con corteccia bruno-rossastra, foglie sparse ob-ovate acute crenato-seghettate, coriacee. I fiori sono bianchi orceolati in gruppetti.Le foglie hanno proprietà astringenti interne, diuretiche. I frutti sono astringenti intestinali.
  Nasturtium officinale R. Brassicaceae Crescione.Pianta erbacea, che cresce dove ci sono acque chiare e limpide.Le foglie sono pennatosette,l'infiorescenza è formata da racemi terminali.Si utilizza la parte superiore della pianta.E' conosciuto molto per uso alimentare, ma anche per le sue vitamine ed azioni espettoranti e diuretiche.
Eucalyptus globulus L. Myrtaceae Eucalipto.Albero sempreverde introdotto dall'Australia le cui dimensioni possono essere molto più grandi delle specie che sono nel nostro territorio (alti fino a 150m. con diametro di 10m.Le foglie sono opposte a due a due, colore verde azzurrognolo, sono lanceolate.Il fiore forma una coppa con 4 costolature, i petali mancano mentre gli stami sono numerosi.Le foglie sono balsamiche, espettoranti, antisettiche, antiparassitarie.
Fagus sylvatica L. Fagaceae Faggio.Tipico alberi dei nostri boschi,alto fino a circa 30m. dritto, con corteccia sottile liscia di colore grigio chiaro.Le foglie ovale ellittico, con margine intero o seghettato.La corteccia dei rami svolge azione astringente e febbrifuga, da esso si ricava il carbone vegetale consigliato a chi soffre di acidità gastrica e intossicazioni alimentari.
Ficus carica L.Moraceae Fico.Arbusto con corteccia liscia, foglie munite di lungo picciolo, sono di forma ovale, spesso divise in 3-5 lobi. L'infiorescenza è particolare, cioè è un ricettacolo carnoso all'interno cavo (quello che noi mangiamo), in cui all'interno si trovano i fiori femminili e maschili. I frutti hanno azione dietetiche, digestive, lassative.Il lattice delle foglie fresche, può essere utilizzato per risolvere problemi di porri, calli e verruche.
Opuntia ficus-indica L. Cactaceae Fico d'India.Arbusto caratteristico del Sud, originario dell'America tropicale.I rami sono i cosiddetti clatodi supportano le foglie di circa 3mm:I fiori sono sulla parte apicale dei clatodi superiori.I frutti conosciutissimi possono essere gialli o rossastri, con all'interno numerosi semi.Utilizziamo sia i fiori che frutti, i primi svolgono azione diuretica antispasmodico, i secondi sono dissetanti e vitaminizzanti.
Foeniculum vulgare M. Apiaceae Finocchio.Pianta erbacea biennale con radice ingrossata, fusto alto uno o due metri, foglie bi-tripennatosette amplessicaule, terminano quasi filiforme. I fiori raggruppati in ombrellette, il frutto è formato da due acheni ovoidali.Si utilizzano i semi per aiutare la digestione, per eliminare la fermentazione gastrointestinale,inoltre sono anche diuretici, aperitivi leggermente antisettici.
Centaurea cynus L. Asteraceae Fiordaliso. Pianta annuale con radice filiforme, fusto ramificato, foglie verdastre, quelle inferiori sono pennato-partite,le superiori semplici e sessili. I fiori riuniti in capolini all'apice dei rami con la corolla a 5 lobi di colore azzurrini. I fiori hanno proprietà leggermente astringente, antiinfiammatorie, diuretiche e tossifughe.
Fragaria vesca L: Rosaceae Fragola. Pianta perenne con rizoma cilindrico da esso si sviluppano le foglie, con picciolo peloso divise in tre foglioline obvate con margine seghettato. I principi attivi sono contenuti nelle foglie e nei rizomi con proprietà dietetiche, aperitive, depurative, diuretiche, stringenti, antiinfiammatorie.Si trova allo stato spontaneo dalla zona sub-montana a quella montana, nei luoghi erbosi, si caratterizza da quella coltivata per le dimensioni ridotte e per una presenza di zuccheri superiore.
Iris pallida-germanica L. Iridiaceae Giaggiolo.Pianta perenne con rizoma strisciante, le foglie opposte a due, nascono dal rizoma dalla forma di spada lunga 30-40 cm. L'infiorescenza è formata da 2-4 fiori con i peduncoli che partono dall'ascella delle foglie, hanno i petali di colore violaceo chiaro o quasi bianchi.Utilizziamo il rizoma con caratteristiche aromatizzanti, espettoranti, rinfrescanti.Spesso è coltivato ma si trova anche allo stato selvatico.
Juniperus communis L. Cupressaceae Ginepro.Arbusto tipico della macchia mediterranea, le foglie verticellate, sono di forma lineare e si restringono gradatamente verso l'apice, formando una punta rigida e pungente. I fiori sono separati, piante con soli fiori femminili e piante con fiori maschili.Utilizziamo il legno, le foglie e le coccole. L'azione aromatizzante, diuretica ,antisettica e balsamica né fa della pianta una risorsa naturale.La più importante azione del ginepro è quella di aumentare la diuresi.
Spartium junceum L. Leguminose Ginestra comune o di Spagna.Si trova nei luoghi incolti, aridi, rocciosi lungo le strade, il suo terreno prediletto è il calcareo. E' un arbusto perenne con radice a fittone, foglie alterne lineari rade  fiori di colore giallo. Si utilizzano i fiori con il loro effetto diuretico e lassativo. Era conosciuta anche per l'utilizzo delle fibre contenute nei rami, che dopo un'opportuna lavorazione poteva essere utilizzato come tessuto, mentre le foglie tingevano di giallo
Fraxinus ornus L. Oleacee Frassino orniello o da manna.Albero di 5-8m.,con radice fittonante, dalla corteccia liscia cenerea, chioma rotonda.Le foglie sono opposte di 6-8, con margine dentato, i fiori sono raggruppati in pannocchiette di colore bianco-gialli.La parte che ci interessa è il succo che scola in estate dopo incisione dei rami più grossi, esso opportunamente purificato, per la sua presenza di sostanze zuccherine (mannite), mucillagini, è un blando lassativo indicato anche per i bambini, poiché privo di effetti indesiderati.
Glycyrrhiza glabra L. Leguminose Liquirizia.Pianta perenne, cespugliosa appiccicaticcia per la presenza di ghiandole, alta 1-1,70 m.,radice cilindrica con diramazioni, legnosa; le foglie sono imparipennate composte da 9-15 foglioline ellittiche.La radice viene raccolta in autunno quando la pianta è in riposo vegetativo,viene conservata all'asciutto, per essere utilizzata quando si ha necessità di fluidificare l'apparato bronchiale,come lassativa, emoliente,antiulcera.
  Malva silvestris L. Malvacee Malva.Comune nei luoghi incolti, erba bienne spontanea, coperta da leggera peluria, foglie palmate, arrotondate, anche reniformi, con margini seghettati. I fiori sono rosei, con 5 petali, inseriti all'ascella delle foglie, in numero da 3-5. Si utilizza tutta la pianta, anche se erboristicamente le foglie e i fiori sono le parti più utilizzate. Per la presenza di mucillagini ed altri principi attivi è utilizzata esternamente per lenire le parti infiammate, per sciacqui del cavo orale in caso di accessi dentali; per uso interno come bechico pettorali, emollienti mucillaginosi, rinfrescanti, lassativi.
Cratàegus Oxyacantha L. Rosacee Biancospino.Abbastanza comune nelle macchie , siepi, scarpate nei posti selvatici dalla collina ai monti. Si presenta con fusto legnoso tortuoso, i rami spinosi, foglie sparse romboidali lobate lucide, lucenti sopra pallide sotto .I fiori sono bianchi leggermente sfumati di rosso con 5 petali. E' una pianta utilizzata in erboristeria, le parti che noi usiamo sono i giovani fiori e le foglioline, che vanno raccolte prima che i fiori schiudono completamente, la tisana ricca di princìpi attivi ha proprietà cardiotoniche, ipotensivi vasodilatatori, narcotici sedativi nervine vascolari. I frutti di colore rosso a maturazione sono ricchi di vitamina C, si possono utilizzare anche per la preparazione di marmellate. 
Typha latifolia L. Tifacee Mazza sorda.La troviamo nei luoghi acquitrinosi, canali, fossi. pianta perenne dal rizoma strisciante, foglie dritte,lineari, fiori riunite in due spighe cilindriche, la superiore con fiori maschili, l'inferiore con fiori femminili di colore bruno-rossastri con caratteristici peli cotonosi. Un tempo il suo rizoma era utilizzato come farina integrante, dopo tostatura, per fare il pane. E' conosciuta per le sue lunghe foglie utilizzate per i lavori artigianali, sedie, cesti, rivestire fiaschi, anche se oggi la plastica ha preso completamente il suo posto.
  Melissa officinalis L. Labiate Melissa. Erba perenne cespitosa, coperta da leggera peluria, steli quadrangolari, folgie ovali dentate, reticolate rugose, sono munite di ghiandole oleifere, che emanano se stropicciate odore di limone. Le foglie sono impiegate per infusi ad azione calmante e sedativa, inoltre aiutano le digestione difficoltose di origine nervosa.
Punica granatum L. Punicacee Melograno. Qualche esemplare si è inselvatichito,oggi coltivato per i suoi frutti, arbusto longevo di 2.3m., corteccia rugosa cenerina, foglie opposte verticillate a 3 lanceolate. Fiori di colore rosso carnosi, che danno origine ad una bacca globosa, contenenti 8 scomparti membranosi con numerosi semi rosei con spigolature. I semi sono ricchi di sali minerali e di vitamine, nel settore erboristico è conosciuto per la scorza del suo frutto, per la sua azione tenifuga, astringente, essa veniva utilizzata anche per colorare i cuoi, tessuti ed altro di un bel colore giallo.
Achillea millefolium L. Composte Millefoglio.Erba perenne cespitosa, rizoma gracile, foglie divise in segmenti lineari, i fiori costituiscono capolini bianchi o rosei. L'azione tonico-astringente, emostatici, antiemorragici, amaro-stimolanti e miglioratori generali dell'organismo né fanno una pianta utilizzata tanto in erboristeria , anche per la preparazione di liquori.
Myrtus communis L. Mirtacee Mirto. Pianta della macchia mediterranea, è un arbusto cespuglioso, i fusti sono cilindrici, la corteccia è cenerina,quella dei rametti è sul rosso, le foglie sono ovali, i fiori sono regolari , odorosi di nota canforata, producono una bacca nera o quasi.Si utilizza la resina che si raccoglie dopo incisioni del fusto , gli oli essenziali che caratterizzano i principi attivi sono astringenti e aromatizzanti.
  Juglans regia L. Junglandacee Noce . Originario dell'Asia, albero a tronco dritto con corteccia cenerognola, le foglie sono alterne pennatocomposte, appuntite lucide, i fiori maschili sono in amenti pendenti di forma cilindrica, quelli femminili riuniti 2.3 all'apice. SI utilizza la corteccia dei giovani rami come lassativa, il mallo del suo frutto è utilizzato come colorante per uso esterno, per uso interno è consigliato come depurativo, antisudorifero, ipogligemizzanti.
Nerium oleander L. Apocinacee Oleandro. Arbusto cespuglioso che cresce particolarmente nel meridione d'Italia, i rami più grossi sono divaricati, le foglie opposte lanceolate acute. I fiori tubolosi di 5 petali bianco rosei. La pianta per i suoi principi attivi non è consigliabile da utilizzare, agisce sul cuore ed stimola la diuresi. E' una pianta definita velenosa, anche utilizzando la legna per cuocere i cibi, i suoi componenti intossicano le sostanze provocando anche gravi disturbi di salute.
Olea europaea L. Oleacee Olivo. Albero tipico del bacino del mediterraneo, viene coltivato per la produzione del suo olio pregiato. Il nostro territorio è vocato per la sua coltivazione, la caratteristica  del suo tronco è la conformazione noccoluto, ad accrescimento lento, le foglie sono opposte lanceolate, il lato superiore è verde cupo il lato inferiore è argentato. I fiori maschili e femminili  sono biancastri situati in grappoli ascellari. In erboristeria si utilizza in pratica tutta la pianta , principalmente le foglie che con i suoi principi svolgono azione diuretica, febbrifuga e sopratutto azione ipotensiva per vasodilatazione periferica.
Alnus glutinosa V. Betullacee Ontano. Boschi umidi, albero a fusto dritto, corteccia grigio-nerognola, foglie ovali alterne sinuato-dentellate. Si utilizzano i getti ad azione astringenti e febbrifuga, la corteccia viene utilizzata per sofisticare quella della frangola.
Origanum vulgare L. Labiate Origano. Pianta erbacea perenne, con rizoma obliquo strisciante, si trova nei luoghi soleggiati dal mare ai monti, i fusti sono quadrangolari, con foglie opposte ovali ottuse arrotondate. Fiori tubulosi di colore bianco, la pianta emana odore caratteristico gradevole. Le sommità fiorite sono impiegate per  azioni aromatizzanti, toniche-eupeptiche, stomachiche carminative, bechiche espettoranti antiasmatiche, stimolanti nervine lievi.
Urtica dioica L. Urticacee Ortica. Erba perenne spontanea, coperta da peli urticanti, con radici diramate, fusto subquadrangolare eretto, foglie opposte ovalo-lanceolate con margine seghettato. La radice e le foglie sono utilizzate, le prime sono utilizzate come decotto per attenuare la caduta dei capelli, mentre le foglie hanno azione diuretica, dietetica,depurativa, antiinfiammatorie intestinali, normalizzanti del cuoio capelluto.
Papaver rhoeas L. Papaverecee Papavero selvatico. Erba annua spontanea, con radice fittonante, fusto eretto peloso, foglie sparse rade,elittico-allungate,i fiori grandi solitari di colore rosso con macchia nera-bruna alla base. I petali sono la parte utilizzata, come calmante sedativo della tosse, sudoriferi, calmanti, narcotici leggeri, emolienti.
  Parietaris officinalis L. Orticacee Parietaria.Si trova nelle fessure dei muri,tra le macerie ecc.,è una pianticella erbacea pubescente, ritenuta da molti erroneamente dannosa.Le foglie sono alterne ovali appuntite, ruvide superiormente lisce sul lato inferiore. SI usa la parte aerea della pianta con proprietà diuretiche, sudorifere, depurative, espettoranti, emolienti.Per il suo alto contenuto di sali di potassio è un ottimo diuretico, utile per aiutare l'eliminazione i calcoli renali e vescicali.
Capsicum annuum L. Solanacee Peperoncino. Originario dell'America meridionale, è una pianta erbacea annuale, con radice a fittone, le foglie sono alterne con un lungo peduncolo, ovali o lanceolate. I fiori isolati o in gruppi di due o tre situati all'ascelle delle ramificazioni. Il frutto è la parte interessante, per la presenza di vitamina C, capsicina, vitamina B. E' un ottimo rubefacente, utilizzato per la preparazione di lozioni per richiamare sangue sulla parte interessata. Per uso interno è un ottimo digestivo, poiché facilita la secrezione dei succhi gastrici, stimola inoltre la circolazione sanguigna, viene utilizzato per la preparazione di cerotti per il trattamento di reumatismi, nelle nevralgie e geloni.
Plantago maior L.Plantaginaceae Piantaggine.Pianta erbacea perenne, con corto rizoma e numerose radichette, dal rizoma sorgono le foglie che sono ovali ellittiche, l'infiorescenza è una spiga composta da numerosi fiori. Le foglie e i semi sono impiegati come rinfrescanti, depurative, diuretiche, astringenti, antiinfiammatorie, emolienti. Quindi nell'impiego contro la tosse e mal di gola le foglie possono essere utilizzate per infusione, anche per l'infiammazione della pelle e delle mucose.
Portulaca oleracea L. Porcellana. Pianta erbacea annuale con fusti sdraiati carnosi, le foglie sono anch'esse carnose e succose , comunissima nei campi e negli orti. Si utilizza la parte aerea della pianta le sue caratteristiche dissetanti sono dovute ai sali di potassio, oligo-elementi, e acidi organici. Inoltre sono rinfrescanti, anti-infiammatorie, diuretiche e depurative. Per uso esterno è ottima nelle gengive arrossate, nei foruncoli.
Hèdera Helix L. Araliacee Edera.Arbusto lianiforme con fusto sarmentoso legnoso, dotato di radici sparse adesive avventizie, le foglie sono palmate sempreverde coriacee, queste sono la parte utilizzata , hanno proprietà balsamico-espettoranti emolitiche, emmenagoghe. Vengono usate per la preparazione di creme che stimolano la circolazione sanguigna favorendo il drenaggio e il rassodamento dei tessuti con cellulite.
Rùscus aculeatus L. Liliacee Pungitopo.Suffrutice cespitoso sempreverde con rizoma strisciante, foglie alterne ovali, coriacee pungenti.La parte utilizzata è il rizoma, con proprietà antiartritiche, aperitive, diuretico rinfrescanti delle vie urinarie.Le bacche e i semi erano utilizzate come surrogato del caffè.
Quercus robur L. Fagaceae Quercia. Albero a foglia caduca, alto fino a 20-30 m., chioma larga irregolare, le folgie sono obvate e variamente incise in lobi, i fiori sono separati, quelli maschili inseriti su amenti penduli, quelli femminili di numero 2-5 inseriti anch'essi su un peduncolo pendulo.La parte utilizzata è la corteccia, per la presenza di tannini, acido gallico,sostanze amare, utili in caso di infiammazioni intestinali e le diarree. L'uso esterno per le caratteristiche astringenti antiinfiammatorie, leggermente antisettiche è idonea per curare irritazioni della gengiva, delle emorroidi e le irritazioni generali della pelle e delle mucose.
Rosa canina L. Rosaceae Rosa canina. Arbusto cespuglioso, a foglia caduca, alto fino 2-3 m.. Le foglie sono alterne imparipennate, il margine dentato, l'apice acuto, la forma ovale. I fiori riuniti in corimbi all'apice dei rami, hanno 5 petali dal colore che va dal bianco al rosa. I frutti sono racchiusi n un ricettacolo carnoso, è sono degli acheni si forma ovale con superficie pelosa. La parte che si utilizza sono le foglie e i frutti, questi sono la parte erboristicamente interessante. La parte esterna che racchiude i frutti, è conosciuta per la sua alta presenza di vitamina C, esso è anche utilizzato per la preparazione di marmellate, quindi ha anche un interesse alimentare e dietetico. Per uso esterno svolge azione astringente, anti-infiammatorie e protettrici vasali. Trova impiego sopratutto nella stagione invernale nelle tisane per combattere i raffreddamenti.
Rosmarinus officinalis L. Laminaceae (labiate) Rosmarino.Arbusto con foglie sempreverdi, il fusto può essere eretto o sdraiato,le foglie sono coriacee, riunite in rametti giovani, sono sessili inserite a due a due  nei nodi, la superficie superiore è verde lucida, mentre quella inferiore è trilobato con due lobi laterali ed uno centrale. Il frutto è composto da quattro acheni ovoidali. Utilizziamo i rametti con le foglie, che sono ricchissimi di oli essenziali con proprietà aromatizzanti, aperitive, antisettiche, rubefacenti, stimolanti, digestive. L'utilizzo delle tisane rafforza l'organismo, calmare la tosse, ottimo diuretico, e favorire la digestione.
Rubus ulmifolius S. Rosaceae Rovo. Comune ai margini stradali, è un arbusto con fusti eretti ,poi arcuati-ricadenti, le foglie sono pennate, composte da 5 foglioline dalla forma ovale l'apice è acuto, la superficie è verde cupo mentre quella inferiore è bianco-tormentosa. Il frutto è formato da numerose piccole drupe, dal colore nero-rossastro, contenenti ciascuno un piccolo seme. Le foglie e i frutti sono la parte interessante, le prime in infusione sono astringenti, anti-infiammatorie della pelle, delle gengive, emorroidi. Il frutto è un buon regolatore intestinale, ricco di zuccheri e vitamine, utile anche come colorante per alimenti, ottimo per la preparazione di confetture.
Ruta graveolens L. Rutaceae Ruta. Pianta perenne cespugliosa sempreverde con radice legnosa, foglie sparse tripennatosette, le inferiori hanno un lungo picciolo, mentre le superiori possono essere anche sessili. I fiori sono raggruppati in un corimbo all'apice, il calice è formato da 4 sepali, il frutto è una capsula con ghiandole resinose. La sommità è la parte ce ci interessa, i suoi oli essenziali né fanno una pianta utilizzata in liquoreria per aromatizzare i distillati, inoltre è anche aromatizzante, digetisiva, emmenagoga e rubefacente. La tradizione locale, la utilizzava per riti scaramantici come malocchio e per tenere lontani gli influssi negativi, tenendola nei vasi sui balconi, bell'invista.
Salvia officinalis L. Laminaceae (Labiate) Salvia. Arbusto cespuglioso sempreverde con robusto apparato radicale, le foglie sono opposte, le superiori hanno un piccolo breve quasi assente, il lembo è allungato-ovale, la superficie è rugosa. I fiori sono riuniti in verticilli, il frutto è formato da 4 acheni di colore bruno o neri. Noi utilizziamo le foglie e le sommità fiorite, svolgono azione eupeptiche, digestive , colagoghe, antisettiche, espettoranti. Inoltre diminuiscono la sudorazione causata da stanchezza  e debolezza generale, abbassa la glicemia ed è benefica negli accessi d'asma.
Sambùcus Nigra L. Sambuco nero.Diffuso nelle boscaglie, siepe luoghi incolti ecc.Arbusto cespuglioso alto 1-2,5 m fusti di colore cinereo-grigiastri, rugosa, i rami giovani hanno il midollo spugnoso, le foglie sono pennatosette composte di 5-7 foglioline ovato-acute con margine seghettato. I fiori regolari di5 lobi bianco-giallini in corimbi terminali spianati, verso giugno troviamo le bacche nere lucenti.Si utilizza in pratica tutta la pianta, in particolare i fiori raccolti prima della schiusa , la tradizione ne fà un uso oftalmico.Le essenze nè fanno un sudorifero di prima classe, pettorali, diuretici, rinfrescanti.
Thymus serpyllum L. Laminaceae (labiate) Serpillo. Piccolo arbusto strisciante, ogni nodo produce radici avventizie, le foglie sono opposte, possono essere ovali, lineari o subrotonde, la caratteristica che sono ricoperte di piccole ghiandole. I fiori sono raggruppate in verticilli all'apice dei fusti, il calice è tubolare, cilindrico campanulato, termina con due labbra, il colore generalmente è rosato, ma può essere anche biancastro. Si utilizza la parte aerea fiorita, ricca di oli essenziali è quasi simile al Timo, esso ha proprietà eupeptiche, carminative, antispasmodiche utili sia sull'apparato digerente che su quello respiratorio per le sue azioni balsamiche, tossifughe, espettoranti, fluidificante dei catarri bronchiali.
Sorbus domestica L: Rosaceae Sorbo. Albero alto dai 12-16m massimo, è molto longevo, si presenta con tronco dritto, le foglie sono impari-pennate, il picciolo è ingrossato alla base, le foglioline sono ovali-oblunghe, la caratteristica delle foglioline giovani, che presentano peluria, che scompare totalmente nelle foglie adulte. I fiori sono riuniti in corimbi situati al termine dei rametti, sono ricoperti da una caratteristica lanugine, i frutti sono due acheni racchiusi in un falso frutto, dal colore giallo-verde quand'esso è acerbo. I falsi frutti sono la parte che ci interessano, essi venivano un tempo utilizzati come alimento, quando raggiungevano maturazione, inoltre ottimo nella preparazione di marmellate molto appetibili. Si può trovare anche inselvatichito, la sua corteccia per il suo contenuto di tannino è un ottimo astringente, utilizzato anche per la concia delle pelli.
Sòrbus Aucuparia L. Rosacee Sorbo selvatico o degli uccellatori.Qua e là nei boschi, crepacci nelle rocce.Si presenta con tronco dritto,con corteccia lucida, le foglie sono alterne pennate composte da 5-15 foglioline lanceolate seghettate. Erboristicamente  la parte che ci interessa sono i frutti, che contengono zuccheri, tannino, colorante rosso, acidi vari che hanno caratteristiche lassative,aumentano la secrezione biliare, sono ricchi di vitamina C.
Taraxacum officinale W. Asteraceae (Compositae) Tarassaco. Pianta erbacea perenne con rizoma verticale, le foglie sono riunite alla base a rosetta, la loro forma è lanceolata, incise,, i fiori sono riuniti in capolini, situati all'apice dei fusti, hanno un involucro formato da una serie di brattee, dopo la fioritura si ripiegano verso il basso, il frutto è un achenio bislungo con la base acuminata. IL rizoma è la parte della pianta più ricca di principi attivi, le sue azioni  amaro-toniche, coleretiche, disintossicanti,depurative,lassative e diuretico in modo blando né fanno una pianta sfruttata in erboristeria. Le radici tostate sono un buon surrogato del caffè, con tutti i benefici che abbiamo elencato prima. Anche le foglie, possono essere consumate allo stato fresco, in aggiunta di insalate.
Centranthus ruber L. Valerianaceae Valeriana rossa. Pianta perenne a rizoma legnoso, le foglie sono opposte, raramente verticellate a tre a tre, la consistenza è carnosetta, la superficie è glabra, i fiori sono riuniti in corimbi, che formano una pannocchia all'estremità dei rami, è formato da un anello con numerosi denti che durante la maturazione si trasformano in setole piumose. La parte che utilizziamo è il rizoma, che va raccolto quando la pianta è in riposo vegetativo, l'azione sedativa del sistema nervoso centrale, ipnotica, antinevralgica, fa della medesima una delle piante più conosciute e impiegate. A differenza della Valeriana comune, questa ha un odore meno sgradevole.
Verbascum thapsus L. Scrophulariaceae Verbasco. Pianta annuale o biennale, si trova facilmente nel nostro territorio, dai campi ai pascoli della Sila. Forma all'inizio una rosetta di foglie basali, oblunghe con l'apice acuto, il margine è intero con accenti di dentellatura, l'intera pianta è ricoperta da una fitta tomentosità, l'infiorescenza è un racemo semplice oppure ramificato, la corolla è di colore giallo paglierino, il calice è diviso in cinque lobi. Le foglie e i fiori sono le parti che noi raccogliamo in primavera, essi sono ricchi di mucillagini, quindi possono essere usati come sedativo della tosse, per le influenze e catarri. Le foglie hanno azione anti-infiammatoria, decongestionanti, emolienti, lenitive, possono essere impiegate per emorroidi, infiammazione della pelle, tramite cataplasmi previo decozione.
  Verbena officinalis L. Verbenaceae Verbena.Pianta erbacea perenne con piccolo rizoma, il fusto a sezione quadrangolare, le foglie sono opposte, quelle inferiori sono oblungo.lanceolate, quelle inserite nella zona media sono tripartite, quelle superiori sono semplici, il margine può essere dentato o intero. I fiori sono inseriti su delle spighe, che formano una pannocchia che si allunga durante la fioritura, il colore è lilla o rosa, il calice è tubolare che finisce con quattro cinque denti,  la corolla è anch'essa tubolare. Si raccolgono le sommità fiorite, per i suoi principi amari è utile per aiutare le digestioni, inoltre è anche diuretica, antireumatica, antinevralgica, febbrifuga.
Rubus idaeus L. Rosaceae Lampone. Diffuso nella zona montana nei boschi e nei luoghi pietrosi. Arbusto, con i fusti spinosi, le foglie sono imparipennate, cioè composte da due,tre,cinque foglioline ovali con margine seghettato. I fiori sono inseriti all'ascella delle foglie,il frutto è globoso o conico composto da numerose drupe riunite insieme.Le foglie hanno proprietà antiinfiammatorie astringenti, utili in casi di emorroidi ed infiammazione del cavo orale . I frutti sono aromatizzanti e vitaminici (B-C).